GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

1. Che  cos’è  il  PDP? 

IL PDP (D.P.R.   275/1999) è il “Piano Didattico Personalizzato”  ossia  un  contratto fra docenti,   Istituzione  Scolastica,  Istituzione  socio-­sanitaria  (solo  nel  caso  di  alunni  DSA)  e  famiglia per individuare  e  organizzare   un  percorso  personalizzato  nel  quale  vengono  individuati  in termini di  progettazione  e  di  percorsi  formativi   gli  obiettivi  educativi,  gli  strumenti  didattici, le scelte compensative  e  dispensative  che  possono  portare  alla   realizzazione  del  successo scolastico degli  alunni  BES  e  DSA.  

 

2. Cosa  non  è  il  PDP?

Il Piano Didattico  Personalizzato non può essere inteso come mera esplicitazione di strumenti compensativi/dispensativi, esso  deve fungere  da  strumento  in  cui  poter  includere progettazioni didattico-­educative  calibrate  sui  livelli  minimi  attesi  per  le  competenze  in uscita.    

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

3. Esiste  per  il  PDP  un  modello  unico?

No,  la  scelta  è  affidata  alla  scuola.  

Basta  che  contenga  le  voci  indicate  nelle  Linee  Guida (3.1),  articolate  per   disciplina:   dati   anagrafici   dell’alunno;   tipologia   di   disturbo;   attività   didattiche   individualizzate;   attività   didattiche  personalizzate;  strumenti  compensativi  utilizzati; misure  dispensative  adottate;  forme di  verifica e valutazione personalizzate.  

 

4. Che  differenza  c’è  tra  didattica  individualizzata  e  personalizzata?  È  indispensabile  specificare  le  due tipologie  di  intervento?  

Come  è  noto  l’argomento  è  affrontato  nelle  Linee  Guida (3).  

In  estrema  sintesi:  

-­   l’azione   formativa   individualizzata   pone   obiettivi   comuni   per   tutti   i   componenti   del   gruppo-­classe,   ma   è   concepita  adattando  le  metodologie  in  funzione  delle  caratteristiche individuali  dei  discenti;  

-­   l’azione   formativa   personalizzata   può   porsi   obiettivi   diversi   per   ciascun   discente.   Non   è   indispensabile   separare  le  due  tipologie  di  intervento  (non  viene  fatto  neppure  nel modello  di  PDP  fornito  dal  MIUR).  

 

5. Chi  ha  il  compito  di  definire  la  progettazione  didattica  per  gli  alunni  con  DSA?

La  redazione  del  PDP  è  di  competenza  della  scuola.  

È  prevista  la  collaborazione  della  famiglia  (Linee  Guida  3.1):  

“Nella  predisposizione  della  documentazione  in   questione   è   fondamentale  il  raccordo  con  la   famiglia,  che   può  comunicare   alla  scuola  eventuali  osservazioni”. 

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

6. Chi  redige  il  PDP?

Il  PDP  (Piano  Didattico  Personalizzato)  deve  essere  compilato  collegialmente  dagli insegnanti,  in  base  alla   Diagnosi  disponibile  (per  DSA)  e  alle  osservazioni  svolte  in  classe riguardo  all’alunno  in  difficoltà.  

Una  volta   compilato,   il   PDP   deve   essere   firmato   dai   genitori   (o   da   chi   ne   fa   le   veci),   i   quali   possono   chiedere   la   consulenza   da   parte   di   chi   ha   rilasciato   la   Diagnosi   (in   caso   di   DSA)   o   di   altri   esperti   nel   settore   didattico.  

La   redazione   del   documento   prevede   una   fase   preparatoria   d’incontro   e   di   dialogo   tra   docenti,   famiglia   ed   eventuali  specialisti.    

 

7. Cosa  deve  contenere  il  PDP  in  generale  per  l’alunno  BES? Il  documento  deve  contenere  e  sviluppare  i  seguenti  punti:

– ­Dati  relativi  all’alunno

-­ Descrizione  del  funzionamento  delle  abilità  strumentali

-­ Caratteristiche  del  processo  di  apprendimento

-­ Strategie  per  lo  studio  

– Strumenti  utilizzati

-­ Individuazioni  di  eventuali  modifiche  all’interno  di  obiettivi  disciplinari

– ­Strategie  metodologiche  e  didattiche  adottate

-­ Strumenti  compensativi  e  dispensativi

-­ Criteri  e  modalità  di  verifica  e  valutazione

Completa  il  fascicolo  PDP  una  pagina  in  cui  vengono  poste  le  firme  del  Dirigente Scolastico,  del   Coordinatore  di  Classe,  di  tutti  i  docenti  e  dei  suoi  genitori.  

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

8. Cosa  comprende  il  PDP  per  l’alunno  DSA?

Il  documento  deve  contenere  e  sviluppare  i  seguenti  punti:

-­ i  dati  personali  dello  studente;

-­ la  scolarità  pregressa;

-­ i  riferimenti  normativi;

-­ le  indicazioni  presenti  nella  diagnosi,  di  cui  saranno  trascritte  –  a  cura  del  Referente Dislessia  oppure del  Coordinatore  di  Classe  –  le  parti  relative  alla  Lettura,  Scrittura, Calcolo nonché  le  conclusioni;  

-­ le  programmazioni  delle  singole  materie  per  l’anno  di  riferimento,  in  cui  sono  contenuti  gli obiettivi  disciplinari,  gli  stessi  del  resto  della  classe;  

– la  metodologia  didattica  e  le  modifiche  che,  per  ciascun  docente,  si  rendono  necessarie nel  singolo caso;  

-­ l’ambiente  educativo  –  cioè  a  chi  lo  studente  è  affidato  durante  lo  studio  pomeridiano.  

Completa  il  fascicolo  PDP  una  pagina  in  cui  vengono  poste  le  firme  del  Dirigente Scolastico,  del   Coordinatore  di  Classe,  di  tutti  i  docenti  e  dei  suoi  genitori.  

 

9. Come  si  procede  nella  stesura  del  PDP?

Il   Consiglio   di   Classe,   studiato   il   singolo   caso,   dovrà   redigere   un   PDP   (Piano   Didattico   Personalizzato)   e   accordare   l’utilizzo   di   strumenti   compensativi   (computer   portatile   personale,   registratore,   calcolatrice,   formule   matematiche   sempre   a  disposizione  anche   durante   i   test,   formulari..),   nonché   consentire   misure   dispensative (lettura  ad  alta voce,  scrittura  veloce  sotto  dettatura,  presa  di  appunti,  studio  mnemonico  di  tabelline  e formule  matematiche).    

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

10. È  necessaria  una  riunione  di  progettazione?  Se  sì,  chi  la  convoca?  Devono partecipare  i  genitori e i servizi?

È  una  decisione  che  rientra  nell’autonomia  della  scuola.  Linee  Guida,  3.1:  

“La  scuola predispone,  nelle   forme  ritenute  idonee”.  

 

11. I  genitori  possono  esigere  incontri  specifici,  aggiuntivi,  con  singoli  docenti  o  Consiglio  di  Classe, per  discutere  i  problemi  dei  loro  figli?  

L’argomento   è   affrontato   nelle   Linee   Guida   (6.5   La   Famiglia):  

“le   istituzioni   scolastiche  cureranno   di   predisporre  incontri  con  le  famiglie coinvolte  a  cadenza  mensile  o bimestrale,  a  seconda  delle  opportunità  e   delle   singole   situazioni   in   esame,   affinché   l’operato   dei   docenti   risulti   conosciuto,   condiviso   e,   ove   necessario,   coordinato   con   l’azione   educativa   della   famiglia   stessa.”  

Sulla   tipologia   di   questi   incontri   (singoli,  collettivi,  intero  Consiglio  o  team)  decide  in autonomia  la  scuola.  

 

12. La  famiglia  che  ruolo  occupa?

“La   famiglia   è   chiamata   a   formalizzare   con   la   scuola   un   patto educativo/formativo   che   prevede   l’autorizzazione   a   tutti   i   docenti   del   Consiglio   di   Classe   -­  nel   rispetto   della   privacy   e   della   riservatezza   del   caso  -­  ad applicare  ogni  strumento  compensativo e le  strategie  dispensative  ritenute  idonee”.  

In  alcuni  modelli  di  PDP  (ad  esempio  quelli  dell’AID)  è  prevista  una  sezione  chiamata “Patto  con  la  famiglia”   che  descrive  gli  impegni  educativi  che  la  famiglia  si  assume.

Questa  sezione  non  è  inclusa  nell’elenco  delle   voci  obbligatoriamente  previste  per  il  PDP  e ciascuna  scuola,  autonomamente,  può  decidere  se  inserirla  o   meno  nel  piano,  per  tutti  o solo  se  si  ravvisano  alcune  necessità  o  condizioni.  

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

13. La  famiglia  può  chiedere  di  tenere  nascosto  il  disturbo  e  applicare  solo  forme  di  tutela  che  non  siano visibili  o  riconoscibili  come  tali  dai  compagni?

Sì,  rientra  nel  patto  educativo  famiglia-­scuola  previsto  dalle  Linee  Guida  (6.5).  

Se  la  scuola  ritiene  che  un  vincolo  del  genere  possa  ridurre  l’efficacia  del  piano  didattico  lo  segnalerà  alla   famiglia,  ma  se  essa  insiste  dovrà  comunque  attenersi.  

 

14. I  genitori  possono  esigere  incontri  specifici,  aggiuntivi,  con  singoli  docenti  o  Consiglio  di  Classe, per  discutere  i  problemi  dei  loro  figli?  

L’argomento   è   affrontato   nelle   Linee   Guida   (6.5   La   Famiglia):  

“le   istituzioni   scolastiche  cureranno   di   predisporre  incontri  con  le  famiglie  coinvolte  a  cadenza  mensile  o bimestrale,  a  seconda  delle  opportunità  e   delle   singole   situazioni   in   esame,   affinché   l’operato   dei   docenti   risulti   conosciuto,   condiviso   e,   ove   necessario,   coordinato   con   l’azione   educativa   della   famiglia   stessa.”  

Sulla   tipologia   di   questi   incontri   (singoli, collettivi,  intero  Consiglio  o  alla  presenza  del Coordinatore)  decide  la  scuola.  

 

15. Quando  viene  redatto  il  PDP?

All’inizio  di  ogni  anno  scolastico  entro  i  primi  due  mesi  per  gli  alunni  segnalati  con  diagnosi rilasciata  da  una   struttura   di   disturbi   DSA   e   per   gli   alunni   con   Bisogni   Educativi   Speciali   -­   BES   -­   nel   momento   in   cui   si   riconoscano   e   si   individuano   situazioni   di   oggettiva   difficoltà   riconosciuta.  

Il   PDP   deve   essere   verificato   due   o più  volte  l’anno  nel  Consiglio  di  Classe.

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

16. È  obbligatorio  redigere  un  PDP  per  gli  alunni  DSA/BES?

La   direttiva   estende   a   tutti   gli   studenti   in   difficoltà   il   diritto   alla   personalizzazione   dell’apprendimento,   richiamandosi   espressamente   ai   principi   della   Legge   53/2003.   Fermo  restando   l’obbligo   di   presentazione   delle   certificazioni   per   l’esercizio   dei   diritti   conseguenti   alle   situazioni   di   disabilità   e   DSA,   è   compito   doveroso   dei   Consigli   di   Classe   indicare   in   quali   altri   casi   sia   opportuna   e   necessaria   l’adozione   di   una   personalizzazione   didattica   ed   eventuali   misure   compensative   o   dispensative.  

Strumento   privilegiato   è   il   percorso  individualizzato  e  personalizzato,  redatto  in  un  Piano Didattico  Personalizzato  ovvero  il  PDP.  

La   Direttiva   Ministeriale   del   27   dicembre   2012   ben   chiarisce   come   sia   necessario   che   l’attivazione   di   un   percorso   individualizzato   e   personalizzato   per   un   alunno   con   Bisogni   Educativi   Speciali   sia   deliberata   in   Consiglio   di   Classe   dando   luogo   al   PDP   firmato   dal   Dirigente   Scolastico   (o   da   un   docente   specificamente   delegato),  dai  docenti  e  dalla  famiglia.  

Nel   caso   in   cui   sia   necessario   trattare   dati   sensibili,   si   avrà   cura   di   includere   nel   PDP   l’apposita   autorizzazione  da  parte  della  famiglia.  

 

17. Quale  libertà  ha  l’insegnate?

La   compilazione   del   documento   PDP   è   prevista   come   definito   nella   C.M.   n°8   del   6   marzo   2013   e   nelle   normative   riferite   agli   alunni   DSA   D.P.R.   275/1999   art.   4.2.  

Gli  insegnanti   nell’ambito   della   libertà   di   insegnamento   sono   liberi   nell’individuazione   delle   modalità   di   insegnamento   più   idonee   a   corrispondere   alle  necessità  di  ciascun allievo,  ivi  compresi  gli  strumenti  dispensativi  e  compensativi  

 

18. Cosa  si  intende  per  misure  compensative?

Gli   strumenti  compensativi  sono  dei  mezzi  tecnologici  e  non  che  supportano  le  fragilità  o impossibilità  di   esercitare   le   funzioni   compromesse,   tipiche   dei   disturbi   che   si   possono  evidenziare   negli   alunni.  

Si   distinguono  in:    

-­ “specifici ”:   strumenti   che   supportano   in   modo   diretto   l’abilità   deficitaria   (lettura/ortografia/grafia/numero/calcolo),   come,   ad   es.,   la   sintesi   vocale,   la   calcolatrice,   la   videoscrittura  con  correttore  ortografico,  ecc.  

-­ “non   specifici”   o   “funzionali”:   strumenti   che   supportano   aspetti   deficitari   di   abilità   “trasversali”   quali   memoria,   attenzione,   ecc.   Tali   strumenti   sono,   ad   es.,   la   tavola   pitagorica;   tabelle   dei   verbi,   delle  formule  matematiche,  della  sequenza  dei  giorni/mesi, ecc.  

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

19. Quali  possono  essere  gli  strumenti  Compensativi?

-­ Tabelle  /formule  geometriche,  fisiche  chimiche..  

-­ Calcolatrice    

-­ Registratore  (sarà  il  docente  a  indicare  la  parte  di  lezione  da  registrare)   -­‐ Cartine geografiche  e  storiche  tabelle  di  memoria  di  ogni  tipo  

-­ Computer  con  programmi  di  videoscrittura,  correttore  ortografico  ed  eventuale  sintesi vocale  

-­ Materiale  registrato  dagli  insegnati,  alunni    

-­ Dizionari  elettronici/libri  digitali  

-­ Richiesta  alle  case  editrici  di  produrre  testi  ridotti  e  contenuti  in  DVD  e  CD  

 Tabelle  sulle  difficoltà  ortografiche  

-­ Dizionari  di  lingua  straniera  computerizzati,tabelle,  traduttori  

­ Libri  digitali    

-­ Usare  quando  possibile  lo  stampato  maiuscolo  

 

20. Cosa  si  intende  per  misure  compensative?

Le   misure   dispensative   sono   particolari   interventi   didattici   che   permettono   agli   alunni   BES  di   non   svolgere   alcuni   compiti   o   di   esserne   parzialmente   esentati   (lettura   ad   alta   voce   in   classe,   studio   mnemonico   delle   tabelline,  valutazione  degli  errori  ortografici, ecc.).    

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

21. Quali  possono  essere  le  misure  dispensative?

In   maniera   commisurata   alle   necessità   individuali   a   all’entità   del   disturbo   deve   essere  garantita   la   dispensa   da  alcune  prestazioni  quali:    

-­ Lettura  a  voce  alta,  scrittura  sotto  dettatura,  scrittura  alla  lavagna,  copiatura  dalla  lavagna 

-­ Lettura  autonoma  di  brani  la  cui  lunghezza  non  si  compatibile  con  il  suo  livello  di  abilità

-­ Attività  in  cui  la  lettura  si  prestazione  valutata  

-­ Copiatura  di  esercizi,  disegni  tecnici,  uso  del  vocabolario,  scrittura  e  lettura  di  numeri romani  

-­ Studio  mnemonico  di  regole  grammaticali,  di  definizioni,  di  tabelline  

-­ Studio   delle   lingue   straniere   in   forma   scritta,   a   causa   della   difficoltà   rappresentata   dalla  differenza  tra  scrittura  e  pronuncia  

-­ Tempi  più  lunghi  per  prove  scritte  e  lo  studio   -­‐ Organizzazione  di  interrogazioni  programmate   -­‐ Assegnazione  di  compiti  a  casa  in  misura  ridotta  

-­ Possibilità  di  uso  di  testi  ridotti,  non  come  contenuti  ma  come  quantità  totale  di  pagine  

 

Sulla  Valutazione:

Fino   a   che   punto   si   possono   applicare   “misure   dispensative”   senza   compromettere   la  promozione   e,   in   generale,   la   validità   del   titolo   di   studio?

 GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

22. Chi   decide   se   le   prestazioni   sono   o   no   “essenziali   ai   fini   della   qualità  dei concetti  da  apprendere”? (L. 170)    

Secondo   le   Linee   Guida   (punto  3)   nelle   scelta   delle   opportune   misure   dispensative   si  dovrà   in   ogni   caso   evitare   di   differenziare,   in   ordine   agli   obiettivi,   il   percorso   di   apprendimento   dell’alunno   o   dello   studente   con  DSA.  

Le  decisioni  in  merito  rientrano  nella  valutazione  degli  apprendimenti  e  sono  di  competenza della   scuola.

 

23. Si   possono   somministrare   prove   di   valutazione   diverse   dai   compagni?  

Facilitate,   semplificate, abbreviate…  In  sede  di  esame,  nelle  normali  prove  di  verifica durante l’anno,  nelle  prove  INVALSI?

In  sede  di  esame  il  candidato  con  DSA/BES  sostiene  le stesse prove  dei  compagni;  può usufruire  di  tempi   più   lunghi   ed   usare   strumenti   compensativi,  ma   non   sono   previste   prove   equipollenti   tranne   in   caso   di   dispensa dalle prove  scritte di  lingua  straniera  (il colloquio  orale  che  sostituisce  la  prova  scritta   si  può considerare infatti  come  una  prova equipollente).  

Nelle  prove  di  verifica  svolte  durante  l’anno  sono  ammesse  delle  personalizzazioni,  da specificare  nel  PDP,   che   avranno   una   funzione   soprattutto   educativa,   per   portare   l’alunno   ad   una   sufficiente   autonomia   in   vista   dell’esame  e  ad  un  miglior  uso  funzionale degli  strumenti  compensativi.  

Se  non  è  possibile  fornire  tempi  più   lunghi   (come   quasi   sempre   al   di   fuori   dell’esame)  si   dovrà   necessariamente   ridurre   in   proporzione   il   numero  di  consegne  richieste.  Sarà una  riduzione  di  tipo  quantitativo,  non  qualitativo;  la  prova  dovrà  cioè   consentire   di   accertare,   anche   se   con   un   numero   minore   di   domande,   esercizi   o   altro,   il   raggiungimento   degli  stessi  obiettivi.  

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

24. Come  sostengono  gli  alunni  con  DSA  le  prove  INVALSI?

Per   la   prova   INVALSI   d’esame   vale   quanto   detto   sopra.  

Nelle   prove   INVALSI   finalizzate   al   Sistema   Nazionale   di  Valutazione  la  scuola  può somministrare  la  prova  ai DSA  come  meglio  crede,  purché  non  infici  la  prova   degli   altri:   se,   ad   esempio,   si   ritiene   necessaria   la   lettura   ad   alta   voce   delle   consegne   si   dovrà   collocare   l’alunno   in   un’aula   separata   mentre   se   si   usa   un   computer   con   sintesi   vocale   potranno   essere   sufficienti   delle  cuffie.  

Le  prove  degli  alunni  con  DSA  non  vanno  conteggiate  nella  valutazione  di  Istituto.  

 

Sulla  lingua  straniera:  

25. È  possibile  esonerare  dalla  seconda  lingua  straniera?

Il   DM   12-­7-­11   non   fa   nessuna   distinzione   neppure   tra   prima   e   seconda   lingua   straniera   e   si   applicano   pertanto  le  stesse  identiche  procedure  per  cui  anche  l’esonero della  sola  seconda  lingua  straniera  comporta   la  perdita  della  validità  del  titolo  di  studio.  

Ciononostante  va  ricordato  che  è  possibile  accedere  alla  dispensa  dalle  prove  scritte  di lingua  straniera  in   presenza  di  disturbo  clinicamente  diagnosticato  (DSA)  in  base  all’art. 6 del  DM  n.5669  del  12  luglio  2011  e   allegate  Linee  guida.  

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

26. Nel  momento  in  cui  si  decide  su  dispensa  dalle  prove  scritte  o  esonero  totale,  la scuola  deve  solo attenersi   a   quanto   deciso   da   altri   (specialisti,   famiglia)   o   può   intervenire   nella   scelta   in   base   a   considerazioni  didattiche?  

Secondo  il  DM  12-­‐7-­‐11,  art.  6  comma  5  e  6,  solo  gli  specialisti  e  la  famiglia  hanno discrezionalità  in  questo   campo,  sia  per  l’esonero  che  per  la  dispensa.  

La  scuola  può opporsi  solo  in  base  a  considerazioni  generali,   legate  alla  funzione  delle lingue  straniere rispetto  allo  specifico  percorso  di  studi,  non  per  valutazioni   didattico-­‐educative  riferite  al singolo  alunno.  

Certamente,  in  caso  di  dispensa,  spetta  alla  scuola  decidere   come sostituire con  prove  orali le  prove  scritte.  

 

27. Il  latino  può  essere  considerato  una  lingua  straniera?

Il  latino  non  può  essere  considerato  una  lingua  straniera  e  pertanto  non  si  applica  la dispensa  prevista  dal   DM   12-­7-­11.   Una   nota   ministeriale   del   2007   (4674   del   10-­‐5-­‐07)   equiparava   latino   e   greco   alle   lingue   straniere  (o,  meglio,”non  italiane”)  ma  è  stata espressamente  abrogata  dal  DM  del 2011.  

 

Spero questo articolo possa esserti stato d’aiuto. 

RISORSE CONSIGLIATE PER TECOME USARE IL PROBLEM-SOLVING A SCUOLA IN 7 FASI.

Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook:

DIDATTICA PERSUASIVA

GUIDA AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Sull'autore