CHE COS’È L’ADHD

CHE COS’È L’ADHD

Il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività, ADHD (acronimo inglese per Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è un disturbo dello sviluppo neuropsichico del bambino che si manifesta in tutti i suoi contesti di vita, i cui sintomi cardine sono: inattenzioneimpulsività e iperattività.

 

Il sintomo dell’INATTENZIONE comprende:

 

❑ deficit di attenzione focale e sostenuta

❑ facile distraibilità, anche con stimoli banali

❑ ridotte capacità esecutive nell’esecuzione dei compiti scolastici, nelle attività quotidiane, nel gioco e nello sport

❑ difficoltà nel seguire un discorso

❑ interruzione di attività iniziate

❑ evitamento di attività che richiedono sforzo cognitivo.

 

Il sintomo dell’IPERATTIVITÀ si manifesta come:

 

❑ incapacità di stare fermi

❑ attività motoria incongrua e afinalistica

❑ gioco rumoroso e disorganizzato

❑ eccessive verbalizzazioni

❑ ridotte possibilità di inibizione motoria.

 

Il sintomo dell’IMPULSIVITÀ si esprime con:

 

❑ difficoltà di controllo comportamentale

❑ incapacità di inibire le risposte automatiche

❑ scarsa capacità di riflessione

❑ difficoltà a rispettare il proprio turno

❑ tendenza a interrompere gli altri

❑ incapacità di prevedere le conseguenze di un’azione

❑ mancato evitamento di situazioni pericolose.

 

Secondo il DSM-IV (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) nell’ADHD esistono tre sottotipi:

0
1. Prevalentemente inattentivo, se prevalgono i sintomi di disattenzione sopra descrittti: il bambino è quindi facilmente distraibile, ma non eccessivamente iperattivo/impulsivo (20-30% dei casi ADHD).

2. Prevalentemente iperattivo/impulsivo, se prevalgono i sintomi di iperattività/impulsività sopra elencati: il bambino è quindi estremamente iperattivo e/o impulsivo e può non avere o avere in forma ridotta i sintomi di inattenzione; è più frequente nei bambini piccoli (<15% dei casi ADHD).

3. Sottotipo combinato, se sono presenti tutti e tre i sintomi cardine; racchiude la maggior percentuale dei pazienti (50-75% dei casi ADHD).

Tutti i bambini/adolescenti possono presentare, in determinate situazioni, uno o più dei comportamenti descritti, ma nell’ADHD tali comportamenti sono:

0
❑ inadeguati rispetto allo stadio di sviluppo

❑ a insorgenza precoce (prima dei 7 anni)

❑ pervasivi: espressi in diversi contesti (casa, scuola, gioco)

❑ significativamente interferenti con le attività quotidiane.

0

Secondo il DSM-IV è necessario che siano presenti sei o più sintomi di inattenzione o di iperattività/Impulsività (da almeno sei mesi) per porre diagnosi di ADHD.

Gli studi epidemiologici, condotti in molti Paesi del mondo, compresa l’Italia, stimano che dal 3 al 5% della popolazione in età scolare presenta l’ADHD.

CHE COS’È L’ADHD

 

Slide e fonte

Spero l’articolo possa esserti stato utile. 

RISORSE CONSIGLIATE PER TE SULLO STESSO ARGOMENTO: COME GESTIRE UN BAMBINO IPERATTIVO A SCUOLA.

Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook: DIDATTICA PERSUASIVA.

IO SONO DALL’ALTRA PARTE DELLA RETE. 

Sull'autore
5 Comments
  1. Francesca Rossini

    Sarei interessata a creare contatto.Grazie !

  2. chiara

    Salve, vorrei sapere se dopo i vari corsi vengono rilasciati gli attestati di frequenza. Grazie

  3. Ciao Chiara non vi sono attestati di frequenza per i corsi poichè sono considerati corsi a distanza, spero di esseri stato utile. A presto.

  4. Pepe Giuseppina

    Scuola Infanzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia