12 COSE DA NON FARE PER EDUCARE TUO FIGLIO.

COSE DA NON FARE PER EDUCARE TUO FIGLIO Thomas Gordon, psicologo clinico di scuola umanistica, presenta un sistema completo, teorico e pratico insieme, per imparare a gestire problemi e conflitti in ambito familiare. Nato dalla rielaborazione delle esperienze educative avviate dall’autore negli Stati Uniti già negli anni Settanta con i corsi P.E.T. (Parent Effectiveness Training),…

Dettagli

COSA È NECESSARIO SAPERE PRIMA DELL’INSEGNAMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA

INSEGNAMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA La scrittura è nata storicamente per sviluppare la memoria a lungo termine e per rendere durevoli nel tempo i vari tipi di linguaggio che via via si andavano sviluppando: quello parlato, quello iconico, quello iconico simbolico musicale. In senso filogenetico e ontogenetico la scrittura evolve partendo da una necessità di lasciare  traccia…

Dettagli

LE PRINCIPALI STRATEGIE DIDATTICHE INCLUSIVE.

STRATEGIE DIDATTICHE INCLUSIVE L’educazione Inclusiva comporta la trasformazione della Scuola per poter incontrare e rispondere alle esigenze di tutti. Essa è un costante processo di miglioramento, volto a sfruttare le risorse esistenti, specialmente le risorse umane per sostenere la partecipazione all’istruzione di tutti gli studenti all’interno di una comunità.   Questo modello ha come scopo…

Dettagli

11 LUOGHI COMUNI SUI BAMBINI CON SINDROME DI DOWN.

BAMBINI CON SINDROME DI DOWN Come insegnanti dobbiamo conoscere quali siano i luoghi comuni e realtà sulla Sindrome di Down per affrontare al meglio l’approccio e l’inclusione di questo tipo di bambini.  In questo articolo sono riportati gli stereotipi che maggiormente interessano i soggetti con Sindrome di Down:   1. Sono tutti uguali (affettuosi, amanti della musica, biondi, cicciotti…).…

Dettagli

STRATEGIE PER GESTIRE IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO A SCUOLA.

STRATEGIE PER GESTIRE IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO A SCUOLA Nel Disturbo Oppositivo Provocatorio i bambini mostrano un pattern comportamentale di irritabilità, ostilità, oppositività e sfida, persistente e inappropriato all’età, tale sindrome è una variabile dell’ADHD (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder).   Il DOP è definito da due differenti ordini di problematiche: L’aggressività   La tendenza ad infastidire e irritare…

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE PER BAMBINI CON DDAI.

STRATEGIE DIDATTICHE PER BAMBINI CON DDAI Il terreno preferito dal bambino disattento e iperattivo per “fare mostra” di tutte le sue difficoltà è sicuramente la scuola.  Abbiamo intuito che un bimbo con Disturbo da Deficit di Attenzione – Iperattivita (DDAI) oltre a essere una “croce” per la madre è anche l’incubo delle maestre che non sanno più…

Dettagli