ROLE PLAYNG

ROLE PLAYNG

Il role-playing è una delle tecniche di formazione più conosciute. La sua origine risiede nello psicodramma moreniano. Lo psicodramma è una tecnica terapeutica di cui è padre lo psichiatra rumeno Jacob L. Moreno1 (1889-1974), che coniò per primo il termine role-playing per indicare il “gioco di un ruolo libero”.

Lo psicodramma giunse in Italia nella seconda metà degli anni ’60 grazie alla sperimentazione di alcuni studiosi: ROLE PLAYNG

“Elvira Pancheri e Sergio Capranico, tra i primi, promossero a quel tempo alcuni gruppi di psicodramma, in collaborazione con la scuola belga di Pierre Fontaine, con quella francese di Ancelin Schutzenberger, con il contributo attivo dell’olandese Franz Bruyining”2.

Per quanto riguarda la definizione dello psicodramma, S. Capranico afferma:

“Lo psicodramma è una tecnica terapeutica che si fonda sull’emersione attraverso la messa in scena. Uno dei suoi obiettivi è quello di far emergere informazioni e stati d’animo, di farli vivere-rivivere attraverso la recitazione di atteggiamenti e comportamenti che tramite il solo racconto rischierebbero di essere falsati dall’intellettualizzazione, quando non anche dimenticati o celati da censure individuali e sociali”3

Il role-playing, come tutte le tecniche di simulazione cerca di riprodurre in aula, quindi in una situazione protetta e di laboratorio, problemi e accadimenti simili a quelli della vita reale. La differenza che intercorre con la psicoterapia è, che mentre in quest’ultima si recitano aspetti personali, nel role-playing si mettono in atto ruoli organizzativi o sociali in genere.

Per questa ragione, si potrebbe affermare che, l’oggetto reale del role-playing come esercitazione di apprendimento è la drammatizzazione, hic et hunc , di comportamenti di ruolo. Ciò, naturalmente, non significa minore intensità e coinvolgimento.

Definizione e fasi di svolgimento. ROLE PLAYNG

Definiamo il role-playing una rappresentazione scenica di un interazione personale che comporta l’assunzione di un comportamento in una situazione immaginaria .

Sinteticamente, consiste nel richiedere ad alcuni allievi di svolgere, per un tempo limitato, il ruolo di “attori”, di rappresentare cioè alcuni ruoli, in interazione tra loro, mentre altri partecipanti della classe fungono da “osservatori” dei contenuti e dei processi che la rappresentazione manifesta. Ciò consente una successiva analisi dei vissuti, delle dinamiche interpersonali, delle modalità di esercizio di specifici ruoli, e più in generale dei processi di comunicazione agiti nel contesto rappresentato. ROLE PLAYNG

La tecnica si svolge nelle seguenti fasi:

a. il trainer introduce il problema con pochi cenni di carattere generale:

b. i partecipanti interpretano la parte loro assegnata (ad esempio capo e dipendente; venditore e cliente od altro) sull’indicazione di materiale loro fornito e atto a descrivere i ruoli ed il contesto nel quale il problema va inserito;

c. terminata l’interpretazione delle parti, avviene una discussione generale con la partecipazione, oltre che di coloro che hanno agito, anche di tutto il gruppo. Vengono analizzati i problemi selettivi, i rapporti umani messi in luce, e si identificano i principi generali emersi nella discussione. Analogamente a quanto avviene con il metodo dei casi non occorre giungere a soluzioni uniformi.

Vi è inoltre una suddivisione interna fra i role-playing che vede due tipologie:

1) Role-playing strutturati (esistono delle regole precise circa i ruoli, i contenuti e lo svolgimento delle discussioni. Il problema è fortemente indirizzato da vincoli precisi ed inoltre, facilita una valutazione critica dei comportamenti individuali attraverso il raffronto tra ruolo dato, ruolo recitato ed i risultati del gioco).

2) Role-playing non strutturati -o libero (si sposta l’attenzione del processo analitico alla scoperta di nuovi modelli d’azione, alla spontaneità, al feedback. Si tralascia un’attenta preparazione in anticipo dei materiali; il gruppo sceglie direttamente gli argomenti che percepisce come importanti; inoltre l’individuo può impersonificare qualsiasi ruolo, ad esempio, se stesso, personaggi esistenti o immaginari; la situazione rappresentata può essere immaginaria o realmente accaduta). ROLE PLAYNG

Per rendere la tecnica più ricca esistono numerose varianti , di cui ricordiamo soltanto le più importanti:

1. Inversione dei ruoli: utilizzata spesso nei role-playing non strutturati, quando esiste notevole divergenza di vedute tra due persone. Essa consiste nella semplice inversione delle parti degli attori, ciò facilita molto la comprensione dei punti di vista altrui. I risultati di questo procedimento sono generalmente: rafforzare la flessibilità e la spontaneità dei comportamenti ed aumentare la capacità di guardarsi dentro e la sensibilità verso gli altri;

2. Soliloquio: avviene quando il trainer può interrompere uno degli attori ed attraverso un’intervista spingerlo a esprimere ad alta voce pensieri ed impressioni finora non chiaramente espressi;

3. Tecnica dello specchio: uno dei partecipanti interpreta, ad esempio, la parte di un altro membro del gruppo piuttosto esitante a svolgere il suo ruolo: la persona di cui si vuole incoraggiare la partecipazione vede così se stesso riflesso come in uno specchio e ritrae un utile feedback per il suo comportamento;

4. Role-playing multiplo: il gruppo viene suddiviso in sotto gruppi ciascuno dei quali sperimenta separatamente i ruoli assegnati. Poi si analizza, in seduta comune, il comportamento di ogni gruppo e ciò risulta particolarmente utile per la discussione;

5. Rotazione dei ruoli: risulta particolarmente efficace quando si vogliono sottoporre tutti i partecipanti ad un determinato ruolo, uno dopo l’altro. Si raccoglie, così, al termine una vasta serie di comportamenti come risposta ad uno stimolo identico, con evidenti vantaggi ai fini formativi. Si pensi, ad esempio, alla possibilità di chiedere ad ogni membro del gruppo di impersonificare il capo alla prese con un certo tipo di dipendente che va motivato a fornire una determinata quantità di informazioni e di idee volte alla soluzione di un complesso problema per poi comparare la dinamica dell’intervista. ROLE PLAYNG

Dobbiamo inoltre sottolineare, che la tecnica si può opportunamente avvalere di strumenti audiovisivi come il videotape (impianto televisivo a circuito chiuso). Questo strumento permette, come ricorda R. Vaccani4 , di operare una efficace verifica dell’azione da parte degli stessi “attori”.

Il videotape è, quindi, l’unico strumento che consente ai partecipanti di verificarsi nell’oggettività dell’azione sostenuta, eliminando o controllando le eventuali distorsioni soggettive a cui può essere soggetta una verifica fatta solo dagli osservatori.

Gli obiettivi generali per i quali la tecnica del role-playing trova valida applicazione sono quelli relativi ai problemi di rapporti interpersonali, alla modifica di comportamento e alla resistenza al cambiamento.

Più specificatamente si può scendere ad una ulteriore analisi esaminando gli obiettivi dei due tipi di role-playing sopra esaminati:

1. Obiettivi del role-playing strutturato sono riferiti a:

• sviluppo di capacità per risolvere problemi;

• apprendere procedure quali: la prassi del sistema di riferimento per affrontare i reclami, o tecniche come ad esempio come condurre un’attività promozionale, come effettuare una dimostrazione, come superare le obiezioni, come ricevere gli utenti, ecc;

• modificare gli atteggiamenti per quanto riguarda le relazioni interpersonali e le relazioni tra superiori e collaboratori;

2. Obiettivi del role-playing non strutturato (o libero) sono riferiti a:

• aiutare i partecipanti ad acquistare intuito nel loro comportamento;

• aiutare i partecipanti ad acquistare intuito nel comportamento con gli altri;

• modificare atteggiamenti nel lavoro, nella famiglia o nella vita sociale;

• aiutare i partecipanti ad acquistare nuovi metodi per affrontare situazioni problematiche;

• sviluppare le capacità di diagnosi in relazione al tipo di approccio dei partecipanti a certi tipi di situazioni problematiche5ROLE PLAYNG


Uno dei principali vantaggi della tecnica è quella di “indurre” i partecipanti ad ampliare i propri punti di vista e a cercare di comprendere con maggiore flessibilità il comportamento altrui. La tecnica stimola l’apprendimento sia attraverso l’impegno nello svolgere un certo ruolo, sia nell’osservazione del comportamento degli altri partecipanti, sia infine attraverso il feedback.

Inoltre, come abbiamo già ripetuto più volte, il role-playing drammatizza un’effettiva situazione di vita reale, e sollecita quindi il desiderio in ciascuno di dimostrare come risolverebbe in pratica una determinata situazione. ROLE PLAYNG

La tecnica, a differenza del metodo dei casi, non giunge ad una discussione, ma la decisione viene posta praticamente nella situazione simulata.

Per quanto riguarda, invece, i principali svantaggi, la tecnica, soprattutto quella non strutturata, richiede un formatore molto abile e capace di correggere, nel momento necessario, i comportamenti errati attuati dai partecipanti.

Infine, l’uso del role-playing in condizioni di socializzazione scarsa può essere controproducente e può bloccare o inibire ulteriormente individui e gruppi in apprendimento.

 

1 J. L. Moreno, Principi di sociometria di psicoterapia di gruppo e sociodramma, Etas Kompass, Milano, 1964 2 S. Capranico, Il role-playing, in “Rivista A.I.F.”, n. 5, 1989, p. 33.

3 S. Capranico, Role Playing. Manuale a uso di formatori e insegnanti, Raffaello Cortina ed., Milano, 1997, pp. 1-2.

4 R. Vaccani, Metodo del role-playing, riprodotto da Inforcoop, Roma, stampato in proprio, dispensa non pubblicata.

5 Baduino R., Nicolotti V., La scelta e la gestione delle situazioni e dei media (Cap.5) e Sviluppo e gestione delle situazioni di apprendimento (App.1) in Lo sviluppo e la gestione degli interventi formativi, Armando ed., Roma, 1992, pp. 369-370.

 

RISORSE CONSIGLIATE PER TE: COME AUMENTARE IL DECISION MAKING IN CLASSE.

Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook: DIDATTICA PERSUASIVA.

BUON LAVORO!

ROLE PLAYNG

Sull'autore
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia