DIDATTICA A DISTANZA

In questo articolo andiamo a vedere 9 piattaforme gratuite per la progettazione e strutturazione di classi virtuali per la didattica a distanza.

 

DIDATTICA A DISTANZA

DIDATTICA A DISTANZA
1.  Classmill è un’interessante piattaforma educativa online interamente free che permette di realizzare facilmente corsi online. Si tratta di uno strumento che presenta caratteristiche tali da renderlo estremamente utile in ambito educativo per l’e-learning e il blended learning.
L’idea da cui nasce Classmill è quella di fornire una serie di strumenti che consentano di selezionare e organizzare le risorse presenti sul web, per realizzare corsi e/o lezioni. Si tratta di una strategia basata sulla cura dei contenuti finalizzata all’apprendimento o learning curation.
DIDATTICA A DISTANZA
2. La piattaforma di e-learning, ideata nel 2008 da due responsabili informatici del distretto scolastico di Chicago, fornisce un ambiente operativo sicuro e semplice da utilizzare, dove studenti e professori, sotto l’occhio vigile dei genitori, possono continuare a cooperare anche al di fuori dell’ambiente scolastico e in orari differenti rispetto a quelli previsti dal calendario ministeriale.
DIDATTICA A DISTANZA
Su Edmodo i professori possono assegnare compiti e fornire spiegazioni, inviare schemi esplicativi e segnalare articoli di approfondimento relativi agli argomenti appena spiegati in classe. Da parte loro, gli studenti possono collaborare tra di loro in gruppi-studio, chiedere chiarimenti ai compagni di classe e ai professori e segnalare materiali di studio ai “compagni di classe”.
Il tutto su una piattaforma, come già accennato, identica o quasi a Facebook.
DIDATTICA A DISTANZA

 

 

3. Eliademy è una fantastica piattaforma gratuita per creare corsi, forum e quiz online.

A prescindere dal contenuto scelto potrete inserire documenti ed elementi multimediali per rendere efficace e interattivo il vostro lavoro.

Eliademy dispone poi di uno strumento di visualizzazione che trasformerà il vostro corso in una sorta di ebook di alta qualità. DIDATTICA A DISTANZA

Il sistema è completamente multipiattaforma, tanto che potrete accedere a Eliademy da ogni tipo di dispositivo: Mac, PC, tablet o smartphone. Potrete creare un corso intero direttamente dal vostro tablet e visualizzare ogni tipo di documento (incluso Microsoft Office) su ogni browser e svolgere un quiz dal vostro smartphone.

In Eliademy è presente un calendario dove gli studenti o gli iscritti d un corso in e-learning possono trovare le eventuali date di inizio dei corsi a cui si sono iscritti, le scadenze dei quiz e le date di consegna delle verifiche. E per assicurarsi che i vostri studenti o corsisti  non si dimentichino le scadenze importanti, la piattaforma offre un sistema di feed e di notifiche via mail che ognuno può personalizzare.

DIDATTICA A DISTANZA
4. Cos’è Fidenia.
Fidenia è il “social network didattico” pensato appositamente per docenti, studenti e famiglie. Nasce dall’idea di coniugare le più avanzate tecnologie digitali con le nuove esigenze della scuola, riunendo in un unico portale funzionalità didattiche evolute con tutti i vantaggi della comunicazione “social”.
Cosa si può fare con Fidenia.
Fidenia mette a disposizione un ambiente d’apprendimento virtuale che permette di accedere a numerose funzionalità didattiche da un’unica registrazione. Fidenia si rivolge a tutti i protagonisti della scuola, offrendo soluzioni innovative in grado di facilitare ogni attività quotidiana: dalla didattica all’invio di comunicazioni, dalla condivisione delle risorse allo scambio di informazioni tra utenti.
Il professore crea la classe virtuale, continua on-line le discussioni iniziate in classe in presenza, assegna compiti e questionari agli allievi per verificare la comprensione degli argomenti spiegati, condivide documenti, dispense, ebook, crea eventi e iniziative scolastiche, comunica con la classe, le famiglie e gli altri docenti.
DIDATTICA A DISTANZA
Lo studente si iscrive ai corsi, dialoga in maniera social con i propri docenti, partecipa a gruppi di studio, lavora su materiale didattico condiviso, svolge questionari e invia elaborati online.
Il genitore partecipa attivamente alla vita scolastica dei propri figli, scambia informazioni, comunica facilmente con la scuola, crea gruppi di condivisione con altri genitori.
La scuola crea e personalizza la propria pagina, invia comunicazioni e documenti, dialoga con le altre scuole, crea eventi all’interno del calendario, promuove via web progetti e iniziative.

5. Cos’è Google Classroom?

E’ un software che fa parte della suite di Google apps for Education arrivata in Italia nel 2015. Si tratta di un insieme di programmi digitali pensati per gli istituti scolastici e per le Università. Non è possibile accedervi con il normale account google privato infatti, ma è necessario che sia l’istituto scolastico a registrarsi.

Google, in Educational, mette a disposizione gli stessi servizi utilizzati dalla maggior parte delle persone come Gmail, Calendar e i vari Documents rendendolo assolutamente intuitivo ed immediato nell’uso. Da non sottovalutare il Drive che permette di archiviare e condividere una quantità enorme di documenti senza dover rinunciare a una mail o a una ricerca. Questi programmi, inoltre, sono completamenti gratuiti, senza pubblicità, facili e soprattutto utilizzabili su qualunque device.

Oltre alle varie applicazioni di Google, con Google for Education si ha questo meraviglioso strumento che è Google Classroom.

DIDATTICA A DISTANZA

A cosa serve?

I suoi utilizzi sono molteplici. Innanzitutto si possono assegnare i compiti. Ogni ragazzo ha il suo documento su cui lavorare e poi inviare nuovamente all’insegnante. Il compito può essere corretto, valutato e inviato nuovamente al ragazzo. Su uno stesso foglio, poi, possono lavorare più ragazzi contemporaneamente. Ultimo, ma non ultimo, a comunicare.

  • Il docente comunica con gli alunni
  • Gli alunni comunicano privatamente o collettivamente con il docente
  • Gli alunni possono comunicare privatamente o collettivamente tra loro (privatamente, ma sempre sotto il controllo dell’insegnante)

In pratica gli insegnanti ricreano la loro classe virtualmente aggiungendo gli studenti. Si possono creare diverse stanze: una per ogni materia. Quando la classe è  stata creata diventa molto semplice assegnare un compito. Mentre lo studente lavora sul proprio foglio, il docente ha la possibilità di controllarlo e quindi commentare il lavoro direttamente! l’insegnate può controllare chi l’ha consegnato, valutare il lavoro o sollecitare chi ancora deve finirlo.

 

6.  Otusè il classico LMS (Learning Management System), piattaforma digitale per la gestione delle attività in classe.

Disponibile sia come applicazione per iOS che in versione desktop web, offre gratuitamente tutta una serie di classici strumenti utili per la didattica quotidiana: assegnazione di compiti, lezioni, quiz, valutazioni, sondaggi, commenti e altro ancora.

DIDATTICA A DISTANZA

Per accedere dovrete registrarvi come insegnanti, potendo utilizzare anche i codici di accesso di Google ed inizierete cosi’ a creare le classi. Non dovete preoccuparvi di importare gli studenti, in quanto vi verrà dato un codice di classe che è possibile inviare ai vostri studenti per consentire loro di connettersi. Dovrete dunque inserire un nome di classe, livello di grado, la disciplina e potrete iniziare.

Dalla schermata “Home” vedrete le classi create e potrete cliccare su qualsiasi classe per verificare più da vicino gli studenti che si sono iscritti.

All’interno della sezione “classi“, è possibile cliccare il pulsante delle informazioni ( “I”) accanto a ogni studente per accedere a statistiche dettagliate. È possibile ottenere le loro informazioni di contatto, il percorso svolto dallo studente nella piattaforma, tutti i documenti che ha caricato, e potrete lasciare dei commenti inerenti a specifiche attività, compiti, ecc.

La pagina “Bookshelf” permette di caricare qualsiasi tipo di documento o file che si desidera condividere con gli studenti. 

Molto interessante la nuova funzionalità che permette di inserire quiz a scelta multipla, vero/falso, risposta aperta. Associata a questo strumento la reportistica di risultati che potrete articolare autonomamente decidendo di assegnare punteggi diversi per ogni domanda.

Insomma Otus.com è un ambiente di apprendimento articolato e completo che merita davvero di essere approfondito. (Fonte Roberto Sconocchini).

 

7.  Schoologyè una piattaforma di apprendimento (o Learning Management System – LMS) web based, per la produzione di contenuti didattici (nella versione pro) e l’organizzazione di percorsi formativi progettato per apparire e comportarsi come un social network.

Attraverso Schoology docenti e studenti possono facilmente interagire, creare, condividere e gestire il materiale scolastico attraverso un’interfaccia che ricorda molto quella di Facebook. 

Schoology dà la possibilità di postare notizie – all’interno delle classi o dei corsi – allegandovi file di ogni tipo e link, permette di commentare i post e segnalare la propria preferenza con un Like proprio come Facebook. 

Il docente propone sul web i materiali didattici del suo corso, e ne può discutere con gli studenti su una “bacheca” virtuale. Si usano i post e i commenti per approfondire le varie tematiche o i test. Gli studenti possono postare in tutte le aree di Schoology, e pubblicare materiale integrativo. Non solo il singolo insegnante o corso di studio, ma tutta una scuola o una Università può avvalersi di questo social network educational.

DIDATTICA A DISTANZA

La cosa significativa è che Schoology è gratuita per singoli docenti e i singoli corsi.

La piattaforma può essere usata in diversi modi. Il modo più semplice è quello di mettere a disposizione dello studente contenuti didattici da studiare (o ripassare come si vuole e quando si vuole) e mettere in comunicazione studenti e insegnanti.

Un modo più articolato di usare una LMS è quello di organizzare un vero e proprio percorso formativo (fissando obiettivi, materiali di studio, modalità di verifica, discussione ecc.), portando la classe fuori dalle mura fisiche della scuola.

L’insegnante può non solo fornire materiali didattici, ma anche assegnare compiti di ogni tipo e verificare la preparazione dei propri studenti attraverso la somministrazione di test e quiz. La piattaforma offre, tra l’altro, un ampio repertorio di strumenti per preparare verifiche multimediali e personalizzabili da svolgere sia a scuola che a casa. Gli alunni possono vedere (e rivedere) le correzioni apportate dai docenti e, per quanto riguarda le verifiche strutturate, visualizzare risultati e correzioni in tempo reale.

Con aggiornamenti via e-mail docenti e studenti possono mantenersi reciprocamente informati con notifiche in tempo reale sulle varie attività della classe ed è possibile anche collegarsi tramite smartphone e tablet grazie a specifiche applicazioni. (Fonte pietroalotto)

 

 

8. Cos’è e come funziona la flipped classroom

Questo approccio didattico prevede uno “scambio di ruoli” tra il lavoro che si svolge in classe e quello svolto a casa. Nella didattica “ordinaria”, la lezione si svolge in classe mentre a casa si approfondiscono le tematiche con compiti e studio. Nella flipped classroom, invece, la lezione si studia a casa, mentre le tematiche vengono approfondite in classe, con discussioni tra professori e alunni, esercizi di approfondimento e altre attività solitamente ritenute “extracurriculari” che possono fornire un approccio e un punto di vista differente sulle tematiche affrontate.

Che cos’è WeSchool e come funziona

WeSchool è la piattaforma di flipped learning italiana utilizzata ogni mese da milioni di utenti e studenti. Totalmente gratuita, mette a disposizione degli utenti strumenti di apprendimento innovativi, che consentono al docente di fornire ai suoi studenti tutto il materiale necessario a fare scuola a casa. Si potranno caricare immagini, documenti di testo (e moduli testuali)

A differenza di altre piattaforme di e-learning come Google Classroom e Office 365 for EducationWeSchool non richiede l’utilizzo di un indirizzo di posta elettronica scolastico. Sia i docenti sia gli studenti potranno utilizzare il loro indirizzo personale: una piattaforma aperta alla collaborazione e all’utilizzo di chiunque, indipendentemente dal ruolo che ricopre.

Volendo, insomma, chiunque voglia può aprire un proprio corso a distanza e fornire risorse didattiche sulla sua materia di competenza. Contributi che poi possono essere raccolti all’interno della Library di WeSchool e consultati apertamente da tutti, senza limitazioni di alcun genere (in molti casi non serve neanche essere iscritti).

DIDATTICA A DISTANZA

WeSchool per gli insegnanti: funzioni e strumenti

L’insegnante che vuole utilizzare WeSchool per videolezioni ed e-learning avrà a disposizione strumenti didattici avanzati di ogni tipo. Come accennato, potrà inserire risorse di ogni tipo: da blocchi di testo a collegamenti verso altri siti (e mappe, grazie all’integrazione con Google Maps), passando per video su YouTube e Vimeo, documenti di testo e fogli di lavoro e molto altro ancora.

Per poter iniziare a utilizzarli sarà necessario creare un account docente, seguendo la procedura guidata d’iscrizione. Al termine di questa operazione, si avrà accesso alla dashboard personale, dalla quale creare i corsi per i propri studenti semplicemente pigiando sul tasto “+” in alto a destra. Qui si sceglie Nuovo gruppo e si inseriscono le informazioni chieste. Al termine, verrà chiesto di creare un link univoco che possiamo inviare direttamente agli studenti per accedere direttamente al corso. In alternativa, possiamo dargli solamente il codice corso che abbiamo creato (si tratta della parte finale della URL), che possono utilizzare in fase di registrazione. (fonte tecnologia.libero)

9. Come funziona Socloo

Socloo rivoluziona in parte il concetto di e-learning: l’alunno non è solo durante le fasi dell’apprendimento online ma potrà confrontarsi con il proprio docente e con i compagni di classe. Il professore, dopo aver effettuato la registrazione gratuita alla piattaforma, potrà invitare i propri studenti o i loro genitori nella classe digitale creata su Socloo.

Ogni alunno riceverà un codice con il quale iscriversi alla piattaforma di e-learning. Per assicurare la massima sicurezza dei propri utenti, lo staff della piattaforma di e-learning controlla l’identità del docente con una chiamata all’istituto in cui presta servizio. Solo nel caso in cui la verifica abbia successo, il professore sarà abilitato all’utilizzo di Socloo.

Ogni docente potrà creare all’interno della propria classe digitale dei gruppi di lavoro cui assegnare dei compiti precisi e monitorare costantemente lo sviluppo dei lavori. Tramite la bacheca gli studenti possono scambiarsi informazioni, tenersi in contatto e caricare nuovo materiale.

Ogni professore potrà creare dei contenuti digitali con i quali integrare le nozioni presenti sui libri nella speranza di coinvolgere maggiormente i propri alunni. Inoltre, il portale di e-learning per la scuola italiana offre la possibilità di creare delle schede di verifica e dei test che preparano lo studente ai compiti in classe. (fonte tecnologia.libero)

 

RISORSE CONSIGLIATE PER TE: LA FORMAZIONE A DISTANZA: CARATTERISTICHE FONDAMENTALI.

Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook: DIDATTICAPERSUASIVA

DIDATTICA A DISTANZA

Sull'autore
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia