FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

Pare che i migliori film da far vedere a scuola siano proprio i film sulla scuola. 

La visione dei migliori film sulla scuola può essere utile per imparare delle lezioni di vita da mettere in pratica in ambienti simili, dove è necessario, per essere costruttivi e dimostrare di aver compreso l’importanza di concetti come forza di volontà, condivisione, rispetto reciproco, sacrificio e rapporto tra adulti e adolescenti

Dai college alle scuole del ghetto, ecco una top list dei film che riguardano insegnanti, professori e studenti: come recitava un vecchio detto, Schola magistra vitae (intro da tesionline).

 

1. L’attimo fuggente.

Iniziamo la nostra rassegna con quello che ritengo il capolavoro per eccellenza sul mondo dell della scuola e dei rapporti umani fra docente e alunno: l’Attimo Fuggente.

Il film premio Oscar con protagonista il compianto Robin Williams nei panni dell’insegnante di lettere John Keating, “creatore” di un originale metodo d’insegnamento che colpisce fin da subito i suoi studenti, grazie ai suoi modi colloquialo, rassicuranti e amichevoli.

Ad essere colpito dal suo metodo d’insegnamento è soprattutto Neil Perry, ragazzo molto intelligente col sogno di recitare. Perry ha però grandi problemi col padre, al quale non ha il coraggio di confessare la sua aspirazione (Trama lezionionline).

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

John Keating – Robin Williams

 

 

2.  Will Hunting – Genio ribelle.

Ragazzo di un quartiere povero di Boston, con molti piccoli crimini alle spalle, Will Hunting fa le pulizie al MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) ed è un genio matematico allo stadio brado.
Se lo contendono due adulti colti, ex compagni di scuola: l’uno vuol prendersi cura del suo cervello (e del futuro del proprio portafoglio), l’altro del suo cuore.
 FILM SUL RUOLO INSEGNANTE
Con l’aiuto di una ragazza innamorata, vince il secondo. Ideato e scritto da 2 dei suoi giovani interpreti, M. Damon e B. Haffleck, è un film complesso nella sua apparente semplicità (paradossalmente a mezza strada tra Belli e dannati e L’attimo fuggente) che tocca molti temi: l’isolamento; la ricerca di un padre (e di un figlio) tra due persone simili e complementari; il diritto-dovere di liberarsi di un’infanzia infelice; la difficoltà di vivere di un genio o, comunque, di un “diverso” che non vuole farsi assorbire o stritolare dal sistema (trama trovacinema.it)
Oscar per l’attore non protagonista a R. Williams.
Will : La libertà, se l’ha dimenticato, è il diritto dell’anima di respirare, e se essa non può farlo le leggi sono cinte troppo strette. Senza libertà l’uomo è una sincope.

 

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

3. Non uno di meno. FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

“Una bella storia dal sapore neorealista, su sfondo di miseria ma con uan grande voglia di credere nel futuro e nel lieto fine tipo new deal: ma senza retorica, parlano sentimenti autenticicon volti autentici di attori per caso (….) la bellezza del film, da non perdere, è nei suoi mori interiori (battaglie, avvisaglie, ripicche, rimorsi, armistizi), la felicità della annotazioni, i sorrisi minorenni non stereotipati che nascono e si comunicano in platea con la forza vera di un regista che crede nella forza morale del cinema. Se si può ancora dire, con una certa poesia. (Maurizio Porro, Corriere della sera, 29.01.2000).

“In questo film ho scelto un lieto fine, ma desidero che il pubblico sappia che le cose in Cina vanno diversamente e che molti dei nostri bambini non conoscono il lieto fine. Il film è dedicato a loro”. (Zhang Yimou, Catalogo della 54° Mostra del Cinema di Venezia, Editrice Il Castoro, 1999). (Trama Comingsoon.it).

 

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

4.  Freedom Writers.

Il film è tratto dal libro The Freedom Writers Diary, che racconta l’esperienza di Erin Gruwell, insegnante di inglese al suo primo incarico, che viene assegnata alla Woodrow Wilson High School di Long Beach, in California.

Erin è una donna energica ed entusiasta del suo lavoro, desiderosa di dare il suo contributo al programma di integrazione razziale nelle scuole, ma si trova ad avere a che fare con una realtà dominata dal conflitto fra gruppi etnici e dall’odio che governa il rapporto fra i suoi studenti.

Colleghi e management della scuola, peraltro, sembrano pervasi da un sentimento di razzismo neanche troppo velato e desiderosi soltanto di tirare a campare, nella convinzione che uno dopo l’altro i ragazzi finiranno per abbandonare la scuola, perdendosi.

Ma Erin Gruwell è una professionista che, nonostante la mancanza di supporto da parte dei colleghi e della famiglia, affronta il suo lavoro con dedizione e non impiegherà molto a riconoscere nei ragazzi non dei delinquenti ma persone costrette a vivere in un ambiente ostile, dominato dalla violenza e dalla povertà. FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

La donna comprende che la chiave per innescare il cambiamento consiste nel combattere l’odio che permea la classe e raggiunge l’obiettivo facendo scoprire loro la tragedia dell’Olocausto e il diario di Anna Frank; tappe fondamentali sono la visita al Museo della Tolleranza di Los Angeles, l’incontro con i sopravvissuti dei campi di concentramento e l’invito ai ragazzi a scrivere un diario personale delle proprie esperienze.

Il contenuto dei diari colpisce a tal punto Erin dal convincerla a farne un libro: nasce così Freedom Writers Diary, che prende il titolo dal fatto che i ragazzi si erano definiti Freedom Writers in analogia con i Freedom Riders, gli attivisti per i diritti civili che nel 1961 combattevano la segregazione razziale nel sud degli USA.

Prima di proseguire ti suggerisco di guardare alcuni video, quasi tutti in inglese: troverai sia scene dal film sia interessanti interventi di Erin Gruwell.

Se per caso non conosci la lingua vai lo stesso avanti e lasciati trasportare dalle immagini, che dicono di più di tante parole (trama tibicon.it).

 


“Ogni voce che dice che non puoi farlo, deve tacere; ogni voce che dice che non ce la fai deve sparire!” 

Erin – Hilary Swank

 

 

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

5. Scoprendo Forrester.

Da una piazzetta del Bronx, dove giocano a pallacanestro, alcuni ragazzi di colore guardano le finestre di un appartamento sovrastante. Lì abita sotto falso nome un misterioso individuo che da anni non esce più di casa.

Un giorno uno dei ragazzi, Jamal, accetta per sfida di andare a vedere chi c’è veramente in quella casa. Si introduce, viene scoperto, scappa ma dimentica lì lo zainetto con libri e quaderni. Intanto un esclusivo liceo di New York ha messo gli occhi su di lui e gli offre una borsa di studio, soprattutto per le sue doti nella pallacanestro.

Ricevuta indietro la propria roba, Jamal si accorge che sulle cose scritte nei quaderni ci sono correzioni e giudizi. Il ragazzo, 16 anni, va nella nuova scuola, comincia gli studi e scopre che quell’individuo è William Forrester, scrittore vincitore anni prima di un Pulitzer e poi misteriosamente scomparso. Jamal ora torna alla carica e chiede a Forrester di aiutarlo in quelle che sono le sue grandi passioni, la scrittura e la letteratura.

Il maturo uomo accetta con un patto: niente di quello che succede deve uscire da quella casa. Jamal è contento, ma in classe ben presto entra in conflitto con il prof. Crawford, il quale lo accusa di aver copiato testi altrui e gli suggerisce di pensare solo allo sport. Molto incerto e confuso, Jamal chiede aiuto a Forrester, che però si nega. Minacciato di espulsione, Jamal si vede offrire la salvezza solo se vincerà con la squadra la finale del campionato di basket.

Ma toccano a lui i tiri decisivi, e li sbaglia entrambi. Demoralizzato, Jamal aspetta con rassegnazione il giorno delle letture in classe da parte degli studenti. Inatteso però si presenta Forrester che dichiara il proprio nome e scagiona Jamal. Quindi parte per la Scozia, suo paese natale. FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

Quando arriva l’ultimo anno di liceo, un avvocato annuncia a Jamal che Forrester è morto per un tumore che aveva da due anni. E gli consegna una lettera di congedo (trama cinematografo.it)

 

Le parole che scriviamo per noi stessi sono sempre molto migliori di quelle che scriviamo per gli altri. (Forrester)

 

 

6. Mona Lisa Smile.

Mona Lisa Smile è ambientato negli Stati Uniti del 1953, ai tempi della guerra fredda, del maccartismo e dell’ integrazione razziale.

La trentenne nubile Katherine Ann Watson (Julia Roberts) si trasferisce dalla soleggiata California, per lavorare nel prestigioso collegio femminile di Wellesley in qualità di insegnante di storia dell’arte.

Dopo il primo approccio con le regole della scuola  e dopo aver fatto conoscenza delle sue allieve, Katherine si rende  conto che il reale obiettivo dello studio in collegio è quello di preparare le studentesse al matrimonio con un buon partito, divenendo così mogli perfette e madri devote alla famiglia.

Il totale contrasto fra tale prescrizione e gli obiettivo della docente, porta la donna a pianificare le sue lezioni in modo da offrire alle ragazze nuovi spunti e nuovi punti di vista per mezzo del linguaggio eloquente dell’arte, ponendosi così in aperto contrasto col resto del corpo docente e, almeno all’inizio, con le sue stesse studentesse.

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE
Ispirato a una storia vera, diretto dall’eclettico Mike Newell (Quattro matrimoni e un funerale, Ballando con uno sconosciuto, Donnie Brasco) Mona Lisa smile è un film interessante, corposo, equilibrato e verosimile quanto a tematiche trattate e ambientazioni.

Ci mostra uno spaccato dell’America anni ’50, l’epoca della guerra fredda e del maccartismo, ammantata di perbenismo ipocrita: una realtà in cui però “non tutto è come sembra” e la fiamma del femminismo sta per accendersi (trama cinematographe.it).

 

Katherine Watson : Cambiare per gli altri è mentire a se stessi.

 

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

7. Una volta nella vita.

Siamo al Liceo Léon Blum, Créteil, banlieue parigina: una miscela esplosiva di etnie, confessioni religiose e conflitti sociali. Nella classe peggiore della scuola la professoressa di storia, Anne Gueguen, invece di capitolare come molti altri colleghi di fronte a questi adolescenti disperati e disperanti, propone loro un progetto comune: partecipare a un concorso del Ministero dell’Istruzione sul tema del genocidio ebraico.

Una missione pressoché impossibile per una classe a maggioranza musulmana, dove la Shoah lascia indifferenti quando non viene palesemente negata.

Dapprima reticenti, gli allievi accettano infine la sfida. Ben presto la professoressa riesce a catturare i suoi studenti nonostante lo scetticismo dei suoi colleghi con risultati incredibili…
Ispirato ad una storia vera ( Trama agiscuola.it)

 

FILM SUL RUOLO INSEGNANTE

Spero questo articolo possa esserti stato d’aiuto. 

RISORSE CONSIGLIATE PER TE7 FILM SUL BULLISMO DA MOSTRARE A SCUOLA.

Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook:

DIDATTICA PERSUASIVA

 

 

Corso di COMUNICAZIONE EFFICACE IN CLASSEFILM SUL RUOLO INSEGNANTE

Sull'autore
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia