P.E.I. ESEMPI COMPILATI PER TUTTE LE SCUOLE DI ORDINE E GRADO.

P.E.I. ESEMPI COMPILATI Ecco a voi una serie di Piani Educativi Individualizzati già compilati. Vengono pubblicati a titolo di ESEMPIO poichè questi documenti vanno costruiti su misura dell’alunno. Nel P.E.I. si deve cercare di individuare i punti deboli e forti dell’alunno in modo da pianificare un percorso didattico-educativo il più possibile costruttivo e di crescita! P.E.I. ESEMPI…

Dettagli

PERCHÉ NON BISOGNA PICCHIARE I BAMBINI.

PERCHÉ NON BISOGNA PICCHIARE I BAMBINI Le botte “a fin di bene” non esistono di Alice Miller Un documento da diffondere intorno a te. Perché le sculacciate, gli schiaffi e altri tipi di botte, apparentemente inoffensivi, come gli schiaffetti sulle mani di un bambino, sono pericolosi? Perché gli insegnano la violenza attraverso l’esempio che ne…

Dettagli

COOPERAZIONE IN CLASSE: 3 ESERCIZI PRATICI PER AUMENTARLA.

COOPERAZIONE IN CLASSE In questo articolo andiamo ad elencare 3 esercizi pratici da applicare subito per aumentare la cooperazione in classe. Brevi storie sulla cooperazione da rappresentare e raccontare ai vostri alunni che non necessitano di molti materiali per essere realizzate, nella loro descrizione troverete anche gli obiettivi che cercano di raggiungere; tali storie potranno…

Dettagli

LINEE GUIDA PER STUDENTI CON DIVERSABILITÀ CERTIFICATA A SCUOLA.

DIVERSABILITÀ CERTIFICATA A SCUOLA I normali bisogni educativi di tutti gli studenti diventano “speciali” per gli studenti con disabilità certificata in quanto richiedono un’attenzione pedagogico/didattica particolare. La scuola, in collaborazione con la famiglia, gli operatori dei servizi socio- sanitari e le realtà territoriali, progetta percorsi educativi e didattici individualizzati, per sostenere il diritto di questi…

Dettagli

INTERVENTI A FAVORE DEGLI STUDENTI IN SITUAZIONI DI SVANTAGGIO.

INTERVENTI A FAVORE DEGLI STUDENTI IN SITUAZIONI DI SVANTAGGIO Le situazioni di svantaggio, anche temporanee, possono compromettere in modo significativo la frequenza ed il positivo svolgimento del percorso scolastico e formativo. Il Consiglio di classe, in base all’osservazione pedagogica e alla raccolta di informazioni sugli aspetti cognitivi, comportamentali e relazionali degli studenti, ha l’opportunità di riconoscere…

Dettagli

LINEE GUIDA PER INTERVENTI A FAVORE DEGLI STUDENTI STRANIERI IN CLASSE.

INTERVENTI A FAVORE DEGLI STUDENTI STRANIERI In presenza di alunni stranieri, appena giunti in Italia, con evidenti problemi di comprensione della lingua italiana, è bene che la scuola adotti particolari procedure e strategie per una buona integrazione. Per poter inserire l’alunno in modo graduale e favorirne la socializzazione ogni scuola può predisporre attività di accoglienza…

Dettagli

LINEE GUIDA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA)

LINEE GUIDA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) Con il termine Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA) si intende un disturbo che investe le funzioni relative ai processi di apprendimento delle abilità strumentali di base di lettura, scrittura e calcolo. Tali disturbi interessano uno specifico dominio di abilità, ma all’interno di un funzionamento intellettivo nella…

Dettagli

LINEE GUIDA IN PRESENZA DI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI In presenza di alunni con Bisogni Educativi Speciali, bisogna seguire determinate procedure per attuare interventi mirati a favorire la loro integrazione. Il campo di intervento, a livello normativo, si estende all’intera area che comprende: • Alunni disabili (legge 104/1992); • Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici (legge 170/2010);…

Dettagli

COME USARE LA STRATEGIA DEL CIRCLE TIME A SCUOLA.

CIRCLE TIME Il Circle Time rappresenta una tecnica importante per l’educazione psicoemotiva nella classe, durante la quale tutti gli alunni si riuniscono per discutere un argomento o un problema proposto da uno o più di loro o dall’insegnante. CIRCLE TIME Appartiene alla tipologia dei gruppi di discussione, precisamente si tratta di un piccolo gruppo a bassa gerarchia (l’insegnante ha…

Dettagli